.
Annunci online

  ValMadlene
 
Diario
 


 “ E’ peccato mortale non ridere ogni volta che è possibile”
(S. Alfonso Liguori)

Per contattarmi/scrivermi: valeriabiotti@gmail.com





Sto leggendo


"Casino Totale"
Jean-Claude Izzo


Ho 'appena' finito di leggere


"L'eleganza del riccio"
Barbery Muriel (Bah!)



"L'ironia: la contraddizione consentita"
Marina Mizzau



"La retorica antica"
Roland Barthes



"Questa storia"
Alessandro Baricco



"Quando Teresa si arrabbiò con Dio"
Alejandro Jodorowsky


"City"
Alessandro Baricco



"La prosivendola"
Daniel Pennac


"Castelli di Rabbia"
Alessandro Baricco


"Nel nome del porco"
Pablo Tusset


"L'uccello che girava le viti del mondo"
Murakami Haruki



"L'animale morente"
Philip Roth



"Prima che tu dica Pronto"
Italo Calvino



"**********"
R: un caro amico che scrive da Dio


"La vita agra"
Luciano Bianciardi


"Assassinio all'università"
Thomas Kyd


"Il sapore perfetto"
J. ManuelFajardo



"Come Dio comanda"
N. Ammaniti



"Strisciava sulla sabbia"
Hal Clement


"La torre nera vol.1:
L'ultimo cavaliere"
Stephen King



"Le mille e una morte"
J.T.McIntosh



"Lolita"
Vladimir Nabokov


"La misura del mondo"
Daniel Kehelmann



"La variante di Luneburg"
Paolo Mauresig


"La confraternita dell'uva"
John Fante



"La città che dimenticò di respirare"
Harvey Kemmeth J. (Bah!)



"Niente di vero tranne gli occhi"
Giorgio Faletti (Bah!)


"Scontro di civiltà per un ascensore a piazza Vittorio"
Amara Lakhous



"Io uccido"
Giorgio Faletti (Bah!)


"Il maestro e Margherita"
Michail Bulgakov (*****)



"La montagna dell'anima"
Gao Xingjiang



"Almost blue"
Carlo Lucarelli


"Tropico del Cancro"
Henry Miller


"Achille piè veloce"
Stefano Benni



"I pilastri della terra"
Ken Follet


"La incredibile e triste storia
 della candida Erendera e
 della sua nonna snaturata"
Gabriel Garzia Marquez


"La sottile linea scura"
Joe R. Lansdale


"Fango"
Ammaniti


"La morte di Ivan Il'ic"
Tolstoj



"Cani neri"
Ian McEwan



"Quattro amici"
David Trueba


"Il gioco di Ender"
Orson Scott Card


 


"Monopoli"
Giovanni Floris



"La struttura assente
- la ricerca semiotica e
 il metodo strutturale"
Umberto Eco


"Rapida scende la notte
 - capire il suicidio"
Kay Redfield Jamison


"L'ombra del vento"
Carlos Ruiz Zafòn


"Harry Potter e il
principe mezzosangue"
Joanne K. Rowling


"Il vestito nero di Odelia"
Alon Altaras

 


17 settembre 2008

Il punto sul punto di vista. (post se non proprio dedicato, almeno ispirato)

Chiamala solidarietà, ma l’altroieri ho calpestato gli occhiali.
Cioè, mi sono caduti senza che me ne accorgessi e, sempre inavvertitamente, vi ho posato sopra gran parte dei miei 58 kg.
Ora, sugli occhiali sono sempre passata sopra. In senso metaforico, intendo.
Non ho mai voluto avere l’aria di una quattrocchi e quindi li ho sempre indossati solo per guidare o quelle rare volte in cui guardo la tv. Non tutte, poi. Se c’è Tremonti a Ballarò, già è fastidioso ascoltarlo, nel frattempo posso anche sfogliare una rivista di arredamento. Ma se Bagni commenta l’Italia, non mi basta percepire degli omini che corrono (nel caso della Roma, camminano – grrrr!): i numeri delle maglie me li devo guardare da me e il nome al giocatore mi tocca darglielo io.
Insomma, su una macchina semovente o davanti alla scatola parlante, le lenti servono: c’è poco da questionare.
Ieri, dunque, ho compiuto l’insano gesto di entrare in un negozio di ottica.
Milioni di montature mi scrutavano da ogni dove. Forti ognuna dello sguardo delle altre, non sembravano premere per essere sfilate dagli appositi sostegni. Insomma, loro stavano bene così. Ero io ad aver bisogno di loro. E di qualcuno che mi guidasse in mezzo a quel dedalo di vetro.
Ero reduce da una montatura priva di montatura: come il vestito dell’imperatore, visibile solo agli occhi dei savi, probabilmente. Ma per loro e per me stessa certamente rimanevo una quattrocchi.
Comprendendo la questione, il camice bianco mi ha prontamente proposto delle lenti a contatto.
Ed è lì che ho avuto l’epifania.
Il punto è che io non voglio vederci.
Proprio così: non voglio avere davanti agli occhi nitidamente la realtà.
Non senza la possibilità di sottrarmene, almeno.
Gli occhiali si possono sfilare in un istante: la mano è più veloce dell'occhio.  
E allora, i miei e gli altrui difetti divengono sfocati. In un certo senso, meno marcati, quasi meno reali.
Come i bambini che si coprono gli occhi e sono convinti di starsene nascosti.
Credo che l’ottico, che a quel punto mi ha chiesto se potesse darmi del tu, mi abbia trovata simpatica.
Particolare, forse, ma simpatica.
In fondo, è un altro punto di vista.
Una chiusura, ha sostenuto lui.
Una protezione, ho ribattuto io.
Detto ad uno che passa la giornata a schiarire la vista alla gente capisco possa essere sembrato un controsenso.
Mi ha detto che ci rifletterà.




permalink | inviato da ValMadlene il 17/9/2008 alle 12:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (25) | Versione per la stampa

sfoglia     agosto        ottobre
 

 rubriche

Diario
"STORIE"
Battute volanti
Oggi me la prendo con...
Idiomatica

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

- Novamag: Il reality carcerario che non vedrete mai in tv
- Oggi me la prendo con...Vanity Fair
- The Village: storia d'amore o subdola propaganda?
- L'ultimo samurai: Balla coi lupi in salsa di soia
-La partita più noiosa del mondo
-Sodomizzo gatti con mezzi meccanici (Watergate intervista ValMadlene)

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom